STELLA stellro@libero.it 02 57.40.75.05 339 63.48.966
REBIRTHING
Ringraziamo Babaji per averci dato questo mezzo straordinario.
“Verità. Semplicità. Amore.” Sono le parole che ci ha lasciato per vivere con consapevolezza la nostra vita. “Io sono vostro Padre e vostra Madre”.
Queste sue parole dimostrano il suo immenso Amore per noi.

FERMATI E RESPIRA!
Prendi un respiro lento e profondo. Com’è il tuo respiro in questo momento?
E’ lento e profondo oppure veloce e leggero?
Il nostro modo di respirare parla di noi. E’ il momento in cui il nostro corpo e la nostra psiche sono uniti e ci parlano del nostro Universo interiore e di come si ripercuote fuori.
Fuori sul corpo e nel mondo.
Tutti abbiamo sperimentato come il respiro si adegua al nostro stato d’Animo. Di come lo tratteniamo quando ci spaventiamo e di come ci abbandoniamo ad esso quando siamo sereni e tranquilli.
Ma la respirazione non è solo uno specchio. La possiamo anche usare in modo inverso, cioè per tranquillizzare noi stessi e aiutarci a superare i nostri blocchi emotivi.
E’ per questo che la Tecnica del Rebirthing Classico associa il colloquio alla respirazione.
Dopo aver portato alla consapevolezza della coscienza i nostri pensieri condizionanti, la respirazione ha il potere di aiutarci a superarli.
E’ un “lavoro” che facciamo su di noi a livello energetico. Essendo noi composti d’energia, la forza del “Respiro Circolare” (così si chiama la respirazione del rebirthing), “scioglie” questi blocchi.
Per questo vuol dire Rinascita, perché si impara a rieducare se stessi.
Oltre i nostri condizionamenti, oltre il nostro dolore, al centro del nostro essere, un meraviglioso diamante brilla. E’ quello che siamo veramente!
Nel nostro cuore abbiamo sempre sentito una forza che pulsa forte. Un’energia che ci fa sentire vivi. Un’energia che ci porta ad uscire nel mondo e cercare, sperimentare, Respirare!
La respirazione profonda del Rebirthing, unita alla parte analitica, è la chiave di noi stessi.
La nostra nascita, il periodo trascorso nel ventre materno, l’ambiente familiare, ci hanno dotato di un paio di occhiali attraverso cui vediamo la nostra vita.
Questi occhiali sono la struttura dei condizionamenti. Si manifestano sia a livello di pensieri, sia a livello fisico.
Il Rebirthing è la chiave di noi stessi perché durante le sedute veniamo accompagnati a prendere consapevolezza di questi pensieri, del perché si sono creati e come possiamo andare oltre.
Come Rebirther, aiuto le persone in questo cammino. Le aiuto a prendere consapevolezza partendo dalle varie situazioni della loro vita attuale e trovando i collegamenti con questi “pensieri matrice”.
Con dolcezza e grande forza, seduta dopo seduta, la nostra coscienza si alleggerisce di questi condizionamenti.
Lavoro con il Rebirthing sia in Sedute individuali sia in Seminari.

- Le Sedute Individuali:
Durante una seduta individuale si ha l’occasione di lavorare in modo specifico su noi stessi.
La seduta dura circa 2 ore. Una prima parte di colloquio e la seconda ora di respirazione, meditazioni guidate, meditazioni dinamiche, a seconda di ciò che serve in quel momento. Costante è la respirazione.
E’ consigliabile andare in seduta una volta alla settimana. Questo perché soprattutto all’inizio di questo percorso di “crescita personale” è importante avere la costanza che ci aiuta per portare un vero cambiamento.
Quando iniziamo a praticare dello sport o impariamo a danzare, il nostro corpo si deve “abituare” a questi nuovi movimenti. Sia a livello di elasticità dei muscoli sia per l’acquisizione dei movimenti, sportivi o del nostro ballo. Anche quando impariamo una nuova lingua, all’inizio abbiamo bisogno di ripetere spesso i vocaboli, per farli diventare “familiari”.
Allo stesso modo, durante il percorso delle sedute di Rebirthing, abituiamo pian piano il nostro corpo a questa respirazione. Abituiamo anche la nostra psiche a ricercare l’origine di ciò che accade dentro e fuori di noi.
E’ molto importante rispettare noi stessi.
Le sedute di Rebirthing sono impostate in una sequenza di circa (in base alle esigenze della persona) 10 sedute. Questo perché si va, a livello energetico, a ricreare i 9 mesi della gestazione e la nascita. Durante le sedute, e anche quando ci avviciniamo al Rebirthing, inconsciamente riemergono le sensazioni di quel periodo.
Perciò se state leggendo e pensate “non ho tempo per le sedute”, “non ho i soldi”, provate a chiedere ai vostri genitori se alla vostra nascita loro hanno sentito che “avevano poco tempo” oppure se in quel periodo “avevano problemi con i soldi”.
Provate a pensare se ogni volta che volete “far nascere” un progetto avete problemi di tempo e soldi.
Se avete visto la connessione fra queste cose, state trovando i “pensieri matrice” con cui vi muovete nel mondo. Non pensiamo che tutti abbiano gli stessi. Facendo una piccola indagine fra i vostri amici, vi sorprenderà vedere come per loro il “far nascere” un progetto (per esempio) è condizionato da altri fattori.

I Seminari:
Durante i Seminari, in base al tema trattato, si affrontano, anche qui, i condizionamenti e i blocchi. C’è la parte di Respirazione circolare, la spiegazione e l’espressione.
L’interazione con le altre persone è una parte fondamentale dei Seminari: abbiamo modo di verificare come i nostri condizionamenti si scontrano e si confrontano con quelli delle altre persone.
Gli altri ci fanno da specchio: questo vuol dire che se riconosco una qualità ad un’altra persona è perché riconosco anche a me stesso quella stessa qualità, se giudico un atteggiamento o un azione di un’altra persona è perché, inconsciamente, giudico quell’atteggiamento dentro me stesso.
Per esempio: se io riconosco che un’altra persona è intelligente e preparata è perché ritengo che l’intelligenza e la preparazione siano elementi validi nella vita. Quando io giudico qualcuno per la sua ignoranza è perché dentro di me ho l’insegnamento che l’ignoranza sia qualcosa di negativo.
In questo piccolo microcosmo della società, in questa situazione “protetta”, possiamo guarire questi pensieri, queste percezioni e permetterci di focalizzare la nostra attenzione sulle nostre qualità, sui nostri Talenti, e… sull’Amore che c’è dentro di noi e intorno a noi.
Come conduttrice del Seminario, dirigo le persone attraverso questo “viaggio” di uno o più giorni, alla riscoperta di noi stessi.
Durante i Seminari sono proposti, oltre alla respirazione, esercizi in coppia, di gruppo e singoli, uso della musica, della danza…